Mastro Pilastro: gli abitanti al servizio del quartiere

Dopo un anno di lavoro, il Progetto Pilastro 2016 per il rilancio dello storico quartiere bolognese, ha prodotto i primi risultati importanti: dare lavoro agli abitanti, ricostruire la memoria del luogo e creare aggregazione. La Cooperativa Camelot, in prima fila nel progetto, presenta una due giorni durante la quale, oggi venerdì 23 ottobre, e domani sabato 24, verrà condiviso il percorso svolto tra passato, presente e futuro. 

“Signore, se ha bisogno di piccoli lavori in casa, la prossima volta, chiami noi: siamo bravi, affidabili, e costiamo poco!”.
Mirsad, ha un sorriso capace di abbattere anche la coriacea diffidenza dell’anziano che aspetta l’autobus 20 alla fermata. Lascia il volantino e si affretta, seguito da Sergian, Ferdi, Erxhan, Egzon ed Emanuele verso un altro gruppo di persone fermo davanti al supermercato.

Questi ragazzi, per lo più ventenni, sono alcuni dei venti componenti di Mastro Pilastro, il gruppo informale nato dal lavoro di un anno della Cooperativa Camelot, nel quartiere Pilastro di Bologna.
Sono tutti disoccupati, del Pilastro, con varie competenze che derivano da precedenti esperienze professionali e formative, che vorrebbero reinserirsi nel mondo del lavoro.
Hanno raccolto con entusiasmo la sfida di rimettersi in gioco ed ora stanno promuovendo la loro nuova attività.

Parte del Progetto Pilastro 2016 per la riqualificazione urbana e sociale della zona, Mastro Pilastro è la tappa successiva alla creazione, la primavera scorsa, dello Spazio di Vicinato di via D’Annunzio 19/A, e precede la futura nascita di una impresa di comunità.
E’ dunque un passaggio intermedio, necessario, per creare coesione tra gli abitanti, ma anche rispondere a due fondamentali necessità emerse dall’analisi condotta da Camelot: lavorare e avere servizi a basso costo.
Il primo servizio è già stato effettuato, Bruno e Dario hanno svuotato una cantina, con grande soddisfazione dei proprietari e anche loro, che finalmente si sono sentiti utili e attivi. Di nuovo parte della comunità in cui vivono.

Per mesi Matteo Sacchi e Federica Gazzoli, i due operatori della nostra cooperativa, hanno studiato il contesto, condotto interviste, ascoltato le richieste, e hanno elaborato un progetto che ora finalmente sta prendendo vita.

Sabato 24 ottobre, infatti, alle 17, ci sarà la presentazione pubblica, presso lo Spazio di Vicinato, dei servizi di prossimità che Mastro Pilastro potrà offrire: consegna a casa della spesa o dei medicinali, pulizie domestiche, accompagnamento per uscite e commissioni nel quartiere, piccole manutenzioni, cura del verde, tinteggiature, piccoli traslochi, montaggio e smontaggio mobili, e altro ancora. I prezzi saranno popolari per andare incontro alle esigenze degli abitanti.

Durante il pomeriggio, a partire dalle 15, gli scout della CNGEI, intratterranno i bimbi con giochi al’aperto, e poi ci saranno la Festa del Baratto, per scambiare abiti e oggetti, e la Biblioteca Vivente, con le persone al posto dei libri per raccontare le storie del quartiere.

Alle 18 ci si trasferirà tutti al DOM, la cupola del Pilastro, in via Panzini 1, per l’evento “Prima mossa”, durante il quale il gruppo teatrale Laminarie, presenterà i materiali video e fotografici raccolti per l’archivio digitale di comunità del Cantiere Narrazione. Parteciperanno, oltre ai cittadini coinvolti nella sua realizzazione, Oscar De Paoli, uno dei fondatori dello storico Comitato Inquilini del Pilastro, e Massimo Marino, critico teatrale che passerà in rassegna le attività culturali realizzate al Pilastro, a partire dall’esperienza degli anni ‘70 del Gorilla Quadrumano di Giuliano Scabia.

La giornata di sabato sarà anticipata, oggi, venerdì 23 ottobre, dall’inaugurazione, alle 18 presso la Sala consiliare Vinka Kitarovic, in piazza Spadolini, nel quartiere San Donato, della mostra fotografica di Lino Bertone dal titolo “I volti del Pilastro”. Aperta fino al 20 novembre, comprende 60 foto che raccontano alcune delle tante realtà che operano sul territorio. Gli orari di apertura saranno lunedì, mercoledì, venerdì, ore 8,15 – 13; martedì e giovedì 8,15 – 17,30; sabato, domenica e festivi, chiuso. L’ingresso è gratuito.

Sempre oggi venerdì 23 alle 18,30, in via Giovanni Antonio Sacco 14, a Bologna, ci sarà l’assemblea dei soci di Banca Etica, alla quale interverrà anche Anna Baldoni, presidente di Camelot, per un dialogo a più voci su “immigrazione e convivenza, per comporre un messaggio di creatività e cittadinanza”. A organizzare l’evento è Tiziana Zullo, una delle figure chiave, accanto ai Servizi Sociali e ai Servizi Educativi del Comune di Bologna, a Open Group e a Laminarie, del rilancio del quartiere Pilastro.
Tiziana, con una ricca esperienza da imprenditrice e responsabile delle risorse umane, sta affiancando Camelot nell’orientamento, nella cosulenza e nella gestione del gruppo di Mastro Pilastro che può così avvalersi di qualificati professionisti.

Per richiedere i servizi di Mastro Pilastro e per ulteriori informazioni, ci si può recare il martedì dalle 10 alle 13 e il giovedì dalle 14,30 alle 17,30, allo Spazio di Vicinato di via D’Annunzio 19/A, oppure si può chiamare il numero verde 800148702.

Di seguito il video della puntata di Detto Tra Noi, la trasmissione condotta da Camilla Di Collalto su TRC, che ha ospitato Federica Gazzoli della Cooperativa Camelot, oltre ad Antonio Casillo, ex presidente del circolo La Fattoria e LIno Bertone, fotografo, per parlare di Mastro Pilastro e delle altre iniziative di Pilastro 2016, per la riqualificazione urbana e sociale del quartiere bolognese.