L’assessora Felletti in visita ai centri estivi comunali gestiti da Camelot

Una mattina coi bambini dei Centri ricreativi per l’infanzia e dei Centri ricreativi estivi comunali per Annalisa Felletti, assessora alla Pubblica Istruzione, Formazione, Pari Opportunità, Cooperazione Internazionale – Politiche per la Pace del Comune di Ferrara.

Oggi, lunedì 11 luglio 2016, l’assessora Felletti si è recata in visita presso le scuole comunali dove sono in corso le attività estive extrascolastiche dedicate a bambini e ragazzi: i Centri Ricreativi per l’Infanzia (CRI) per bambini da 1 a 6 anni, gestiti, per il Consorzio Riunite Esperienze Sociali (RES) dalle cooperative Camelot e il Germoglio, e i Centri ricreativi estivi per bambini (CRE) per ragazzi da 6 a 14 anni, gestiti dalla cooperativa Camelot.

“Ci tenevo a vedere di persona la qualità del servizio offerto dagli operatori che per conto del Comune gestiscono i centri – ha detto Felletti – oggi ho potuto constatare la professionalità e la disponibilità del personale impiegato, e il benessere e il coinvolgimento dei bimbi.
I Centri ricreativi per l’infanzia e i Centri ricreativi estivi comunali garantiscono un’importante opportunità di svago e socializzazione per i piccoli di Ferrara, e un prezioso sostegno per le famiglie che rimangono in città, lavorano e hanno necessità di un aiuto nel garantire il giusto intrattenimento ai propri figli. Per questo il Comune investe su queste attività, le presidia e si impegna a garantirle ogni anno. I numeri degli iscritti sono in linea con le attese, la partecipazione è alta e i criteri di accesso delle graduatorie garantiscono che ad avvalersi del servizio siano le famiglie più bisognose”.

Felletti ha fatto visita ai Centri ricreativi per l’infanzia delle scuole dell’Infanzia Aquilone (88 bambini iscritti) e Salice (48 iscritti) che hanno a disposizione 12 educatori, e ai nidi d’infanzia Salice (32 iscritti), Gobetti (30 iscritti) e Girandole (54 iscritti) che hanno a disposizione 24 educatori. Il totale degli iscritti è di 252 per 256 posti disponibili. Tutto il personale ausiliario è comunale.
I bambini diversamente abili sono seguiti dagli educatori di sostegno in continuità con l’anno educativo appena concluso. Due sono le coordinatrici pedagogiche, una della cooperativa Camelot e una della cooperativa Il Germoglio, che lavorano per permettere ai piccoli e piccolissimi di trascorrere l’estate in modo sereno, stimolante e giocoso, il più possibile all’esterno e a contatto con l’acqua, senza trascurare attività creative con materiali di recupero.
In collaborazione con l’Istituzione dei servizi educativi, sono presenti anche volontari del Servizio Civile Nazionale.

L’assessora Felletti ha visitato anche i Centri ricreativi estivi delle scuole Cosmè Tura, Bombonati e Pascoli che contano circa 180 bambini iscritti di cui 28 diversamente abili, per una disponibilità complessiva di 200 posti. Lo staff è composto da 1 coordinatrice pedagogica, 1 coordinatrice generale, 3 coordinatrici/educatrici sul campo, 10 educatori di squadra, 18 educatori di sostegno e 3 ausiliarie. Inoltre, in collaborazione con l’Istituzione dei servizi educativi, sono presenti anche 6 volontari del Servizio Civile Nazionale.

Prima dell’avvio del servizio, tutti gli operatori hanno partecipato ad una formazione organizzata dalla cooperativa Camelot, che gestisce il servizio.

I 3 CRE sono dislocati nelle zone della città che presentano una maggiore richiesta di attività ricreative estive per i più giovani (Barco, Via Bologna e San Giorgio) e offrono la possibilità di andare in piscina, scoprire il territorio circostante e intrattenere una stretta sinergia con associazioni e società culturali, sportive e di volontariato, che collaborano per rendere questa esperienza estiva indimenticabile.