Progettazione

Camelot, con il proprio Ufficio Progettazione, si occupa della partecipazione a progettazioni locali, regionali, nazionali ed europee sviluppando la vocazione innovativa della cooperativa.
Grazie all’esperienza e ai risultati ottenuti, oggi siamo in grado di attrarre investimenti nazionali ed europei che impieghiamo per far crescere i progetti presenti e futuri, le persone che lavorano in cooperativa e le comunità in cui operiamo.

 

Di seguito i progetti europei in corso.

> S.A.L.U.S. W SPACE

Camelot è partner ufficiale di S.A.L.U.S. W SPACE, progetto co-finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale nell’ambito del programma Azioni Urbane Innovative. Con il coordinamento del Comune di Bologna e la collaborazione di altre realtà presenti sul territorio, Camelot parteciperà attivamente alla realizzazione di uno spazio di incontro, accoglienza e condivisione destinato a richiedenti asilo, famiglie in condizioni di fragilità, turisti e cittadini. Villa Salus, una ex clinica in stato di abbandono, sarà trasformata in un luogo di benessere per tutta la collettività, uno spazio dinamico e multietnico che offrirà non solo ospitalità ma anche laboratori di artigianato e formazione, ristorazione multietnica e molto altro. In questo percorso triennale, iniziato nel novembre 2016, Camelot interverrà con un’attività di mediazione per favorire la creazione di una comunità, composta da cittadini residenti e da tutti coloro che utilizzeranno gli spazi di Salus Space, facilitando la connessione tra Salus Space e il quartiere, ma anche la città.

Visita il sito del progetto: http://www.saluspace.eu/

LOGHI_VILLA_SALUS

> IN THE FOOTSTEPS OF A MIGRANT

A partire dal 1 settembre 2017 è stato avviato un nuovo progetto della durata triennale che ha lo scopo di sviluppare un nuovo strumento educativo che tratti di tematiche relative a migrazione e processi di inclusione.

Il partenariato di progetto è composto da:
– Solar e.V., Germany (Coordinatore)
– Stichting Refugee Company, Olanda
– Asociatia A.R.T. Fusion, Romania
– Cooperativa Sociale Camelot, Italia

Il progetto è promosso e finanziato dal programma Erasmus + all’interno dell’Azione Chiave 2 Strategic Partnership.

Descrizione del progetto

Il tema delle migrazioni e in particolar modo dei richiedenti asilo è un tema di particolare rilevanza nel dibattito pubblico di tutta Europa. Milioni di persone hanno lasciato il proprio paese e sono in viaggio a causa di guerre, condizioni economiche svantaggiose, inequità sociale, cambi climatici ed episodi di discriminazione, per cercare in un altro paese migliori condizioni di esistenza. Al contempo in Europa stanno crescendo fenomeni di xenophobia ed ostilità nei confronti dei migranti.
Crediamo quindi sia importante aumentare la consapevolezza all’interno della società rispetto alla complessità dei processi migratori e della difficoltà nell’affrontare le tematiche rispetto ai migranti e ai richiedenti asilo. L’obiettivo del progetto è quello di ideare un gioco di ruolo da utilizzare come strumento efficace per diminuire pregiudizi e stereotipi, promuovendo il pensiero critico e favorendo empatia tra la cittadinanza. Il gioco di ruolo denominato “In the footsteps of a migrant” favorirà l’acquisizione di un approccio olistico in grado di fornire un’immagine realistica dei processi relative all’immigrazione in Europa.
Il gioco di ruolo sarà sviluppato in una forma attrattiva e fortemente educativa, adatto ad un utilizzo su diversi settori. Il gioco ha l’obiettivo di accrescere la consapevolezza rispetto alla complessità dei processi di richiesta d’asilo, delle politiche migratorie, della funzione delle frontiere e del ruolo dei media nell’influenza delle persone rispetto al fenomeno. Il gioco mostrerà cosa comporta il percorso migratorio sui migranti, sarà un esperienza di apprendimento interattiva in cui mettersi nei panni dei migranti e cercare di immedesimarsi in quello che hanno vissuto.
Uno degli obiettivi principali è quello di includere attivamente dei migranti e le loro percezioni nel processo di sviluppo del progetto.
Il target a cui si riferisce il progetto è composto da diversi esperti nell’ambito dell’educazione, che possano utilizzare il gioco come strumento di riflessione nei loro percorsi educativi a favore di ragazzi, adulti, bambini etc. Educatori e formatori che operano utilizzando un approccio non formale potranno sperimentare il gioco già durante la fase di sviluppo del progetto e soprattutto durante la fase di disseminazione.
La prima fase del progetto prevede la realizzazione di una ricerca quantitativa e qualitativa comparata tra i paesi coinvolti. La seconda fase sarà dedicate allo sviluppo del gioco di ruolo. La terza fase del progetto prevede la sperimentazione e il successivo sviluppo del gioco nei rispettivi paesi d’origine. Infine, l’ultima fase del progetto prevede la formazione di tutor e formatori che possano diventare a loro volta facilitatori delle attività, garantendo quindi la diffusione capillare del gioco. Tutte le fasi saranno connesse tra di loro grazie ad 8 incontri internazionali nei paesi dei partner.

Il progetto intende inoltre promuovere la collaborazione tra le organizzazioni partner, favorendo l’acquisizione di nuove competenze trasversali e sviluppare la capacità delle organizzazioni di promuovere empatia e consapevolezza rispetto al tema dei migranti in Europa

LogosBeneficairesErasmus+LEFT_IT

Di seguito i progetti realizzati e conclusi.

> Azioni integrate per l’empowerment comunitario post-sisma

> PRISMA – Percorsi in Rete per l’Integrazione Sociale e la Mediazione Abitativa

> SISTER

> REFER-PA

> Coop-Housing

> Noès: mediazione sociale, orientamento ai servizi e dialogo interculturale nella provincia di Ferrara

> Noès 2

> PARI

> Re-Startup