“Il Cre è bellissimo”: le lettere dei bambini

Le letterine dei bambini che quest’anno hanno partecipato al Cre comunale della scuola Poledrelli gestito dalla Cooperativa Camelot.

“Il campo estivo più belo ve lo dico io: è il Cre Poledrelli”.

Inizia così una delle tante letterine scritte dai bambini che, anche quest’anno, hanno partecipato al CRE della scuola M. Poledrelli, coordinati da Francesca Bonazza e dal suo staff.

Nel programma del Cre, oltre che con sport, merende e bricolage, i bambini si sono divertiti a mettere in scena una versione alternativa di “C’è posta per te”: con l’aiuto degli educatori hanno costruito una cassetta postale in cartapesta, in cui sono poi state imbucate decine di letterine e disegni di “arrivederci” per concludere il percorso estivo.

“Ciao Sergio come stai? Ti voglio tanto bene. Ci fai fare dei bellissimi giochi”.

“Per tutti gli educatori: siete molto gentili”.

“E’ stato molto bello stare in questa scuola”.

“Il Cre è bellissimo”.

“Sono felice di venire in questa scuola estiva”.

“Al Poledrelli ci sono bei giochi e bravi cuochi. Ma oggi no (i cuoricini di merluzzo non erano cuoricini)”.

I bambini si sono divertiti un mondo, tanto che hanno anche inventato una canzone per questo gioco.
Gli educatori si dicono soddisfatti: tra giochi e gelati tutti i bambini hanno partecipato, anche quelli più timidi, e la creatività non è mancata.

“Ciao, questo campo mi piace tanto e bellissimo. Prima credevo che era brutto perché non conoscevo nessuno.
1) Mi piace perché ho conosciuto tante nuove amici.
2) E ho imparato nuovi giochi”.

“Questo campo estivo è stato bello e divertente, ma anche simpatico e perché i laboratori sono belli e i giochi divertenti. Ieri 23 è stato bellissimo, mi sono divertita e anche oggi mi diverto!”.

Con pennarelli, fogli e porporina, con le dita un po’ sporche di inchiostro, i bambini hanno scritto messaggi ironici, entusiasti e talvolta commoventi. L’italiano, a volte ancora incerto, non ha impedito di far arrivare i messaggi dritti al cuore.

“Mi piace stare qui, no vorrei mai più andare via”.

“Mi piace la scuola e non vogli andarmene”.

Ma non c’è nulla da temere… Ci rivediamo l’anno prossimo!

“Mi è piaciuto stare con voi e spero di vedervi anche l’anno prossimo”.