Delegazione libanese in visita a Camelot

cof

Giovedì 7 settembre, una delegazione del Ministero degli Affari Sociali del Libano si è recata in visita alla sede bolognese di Camelot per conoscere i servizi offerti dalla cooperativa, in particolare in materia di accoglienza, nell’ottica di un confronto internazionale per far fronte all’imponente presenza di profughi siriani.

Il gruppo, composto da dieci donne referenti dei cinque principali centri per i servizi di sviluppo del territorio libanese, ha incontrato i responsabili dell’area bolognese di accoglienza di Camelot che hanno illustrato il lavoro di supporto alle istituzioni e alle comunità in ambito educativo, socio assistenziale e dei servizi per i migranti.

La delegazione libanese ha spiegato che, con l’arrivo dei porfughi siriani in Libano, la popolazione è aumentata di due milioni di persone, e ogni anno, ad ognuno dei centri territorioali che offrono servizi sociali e di integrazione, si rivolgono 16 mila persone. Questa importante richiesta da parte dei cittadini, impone nuove forme di risposta da parte delle istituzioni, e quelle messe in atto in Emilia – Romagna con l’apporto del terzo settore e di realtà cooperative come Camelot, sono considerate un modello a livello internazionale.

La visita della delelgazione ministeriale libanese si inquadra in un progetto che ERVET (Emilia-Romagna Valorizzazione Economica Territorio) sta gestendo per conto della Regione Emilia – Romagna nel quadro di una più ampia iniziativa curata da UNDP (United Nations Development Programme) Libano.

sdr

cof