A Dodici Morelli i cittadini decidono assieme il futuro degli stabili dopo il sisma

dodici-morelli

Cosa fare dello stabile di via Paratore a Dodici Morelli (Cento, FE), adibito a scuole dopo il sisma ed ora in disuso?
Lo deciderà, a partire da sabato 23 aprile, la comunità stesssa che vive sul territorio, grazie ad un porgetto di percorso partecipato elaborato dalla Cooperativa Camelot.

Si svolgerà sabato 23 aprile alle ore 15 direttamente agli stabili di via Paratore il primo incontro del progetto “Meglio di Prima!”, un percorso di coinvolgimento partecipativo rivolto alla comunità di Dodici Morelli, per il riutilizzo condiviso dei prefabbricati modulari di via Paratore.

Si tratta delle strutture dedicate, in seguito al sisma del 2012, a sede provvisoria delle scuole elementari della frazione del Comune di Cento. A seguito dell’inaugurazione della nuova struttura scolastica già avvenuta lo scorso anno, parte un percorso per la trasformazione degli ex moduli scolastici, con l’obiettivo di dare nuova vita agli spazi e ripensare a un riutilizzo condiviso da parte dei giovani e della comunità residente.

Tutti i cittadini e le realtà del territorio sono invitati a offrire un contributo attivo per trasformare e costruire insieme una gestione collaborativa dei prefabbricati, nell’ottica di creare insieme risposte utili alla promozione del benessere dei giovani e di tutti gli abitanti residenti.

“Meglio di Prima!” è un progetto della Cooperativa Sociale Camelot – in partnership con il Comune di Cento – Assessorato alle Politiche Giovanili e con le altre associazioni del territorio, a partire dalla realtà culturale EXIIT – sostenuto dalla Fondazione Prosolidar Onlus, attiva per supportare, tra le altre cose, lo sviluppo di comunità responsabili e solidali a seguito del terremoto del 2012.

Grazie a “Meglio di Prima!” e al contributo di coloro che parteciperanno, i moduli di via Paratore diverranno un nuovo punto di riferimento per la comunità, in cui sviluppare attività partecipative, socializzanti, culturali e ricreative, in condivisione con la cittadinanza. Il primo periodo di sviluppo del progetto arriverà fino all’estate del 2017.

dodici-morelli-invito